MATRIMONIO DI PAESE _ Cianciana – (Seconda parte)

Sposi: P.Perzia R. MartoranaSi passa al periodo della ” canuscenza” della conoscenza tra i due ufficialmente “ziti” fidanzati. Lui, tutte le sere, si reca in casa di lei, dove viene accolto dalla futura suocera, che lo fa accomodare e sedere a debita distanza: due – tre metri, almeno, dalla propria figliola, quest’ultima “ allicchittata” ben vestita e profumata. Lui e lei dialogano ad occhiate ammiccanti e molto eloquenti. “L’olio è bollente ed il pesce frigge!” ma tra i due non ci può essere nessun contatto fisico. Neanche con un dito; niente! La mammina sta sempre lì con gli occhi e  gli orecchi ben aperti; ed  è lei a servire il bicchiere di vino, di acqua o cos’altro occorra e si offra al futuro genero. “ Paglia e focu tenili luntanu!”  – Paglia e fuoco tienili lontani.

                       Una chi guarda e du’ chi stannu all’erta

Lu zitiddru nn’a n’agniuni
comu un cuccu assulazzatu
ogni tantu un suspiruni
lu ittava scunsulatu:

“Accussì voli l’usanza…
-ogni tantu ripitija-
E la stupita ignoranza
chi ti fa la gilusija”.

La zitiddra arraccamava
e ogni tantu si pungija
ma cu l’occhi talijava
unni veru cci dulija.

Ma la matri so’ c’allerta
stava comu un guardianu
cci dicija: “figliuzza sperta
la firita è nna la manu…

Senza fari la piatusa
stammu attenti e grapi l’occhi
ca la vuglia fa pirtusa
e l’amuri fa crafocchi”

Ma l’amuri è ‘na timpesta
e un ventu troppu forti
quannu trasi nn’a la testa
 é signata la so’ sorti.
 
Cu’ li tinti o cu’ li boni
zoccu è d’iddru si lu piglia
e a la prima occasioni
metti n’capu ‘na famiglia.

E ‘ddra matri assai sicura
chi dicija: “Cu mija ‘un ponnu!..”
pi’ disgrazia e pi’ svintura
fu tradita di lu sonnu.

S’appuzza la testa ‘n pettu
e durmija a sonnu ‘nchinu
comu fussi ‘n capu un lettu
cu’ la testa ‘nn’a un cuscinu.

“Ora ora, gioia mija…
-dissi ddr’omu ‘nnamuratu-
s’un c’è occhiu chi talija
‘un c’è cori adduluratu!”

In silenziu e senza scrusciu,
senza mancu suspirari,
a ‘ddra zita, musciu musciu
‘na vasata cci j’a dari.

“Chista è chiddra chi t’avija
chista è chiddra chi ti dugnu…
finalmenti gioia mija
ti dimostru cca, cu sugnu!”

‘Na vasata e ‘nu suspiru,
‘na carizza e ‘n’abbrazzata
e la vecchia comu un tiru
chi durmija alluppiata.

 

Ah l’amuri quantu è pazzu!
quantu cosi chi fa fari
specialmenti d’intrallazzu
acchiossà ti fa sbambari.

Veramenti ‘un c’era ‘ntentu
di pritisi assai picanti:
“di tuccari m’accuntentu!”
dissi iddru a primu istanti.

Tocca tocca e vasa vasa
j’a finiri, beddru chiaru,
ca di tutta ‘ddra cirasa
ristà sulu lu panaru.

Oramai pi’ li du’ amanti
cchiù nun c’era celu e terra
cu l’arduri ‘nfina i’ scanti
s’ammiscaru ‘nn’a ‘ddra guerra.

Comu cavuli ‘nn’a un mazzu
senza frenu nè russura
s’abbintaru d’intrallazzu
‘ddri du’ granni piccatura.

Oramai ‘ ddra maschiata
chiara e forti si sintija
e a ‘ddra vecchia addrivigliata
festa granni cci parija.

E lu dissi chiaru e tunnu
senza fari tanti sceni:
“chi nn’avemmu di stu munnu…
e la festa è quannu veni!”

Poteva anche succedere che, i due fidanzatini, approfittando di qualche momento di disattenzione da parte dei loro “guardiani”, combinassero qualche “fesseria”, ma ciò non compromettava  la loro unione, anzi. “ A cosi fatti rimediju poni!” a cose fatte bisognava porre rimedio. Non c’era, perciò, alternativa: matrimonio e basta!
                                                                                                  Agostino D’Ascoli

Agostino D'Ascoli

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.