La bbinidizzïoni di lu patri

Cc’era na vota um-patri ch’avìa du figli, m-puntu di morti, li chjamà a lu so capizzu e cci dissi:
Nta la chjusa cc’è un tesoru, vi lu lassu cu la me bbinidizzïoni, zzappati pi-avillu e spartitivillu m-parti aguali. 
Li figli, sèmpiri ubbidienti a lu patri, e nun-zì ggilusiàru tra iddri  e-nnuddru pinzà di tintari di pigliàrisi ddru tisoru sulu pi iddru.
Mortu lu patri, li figli si misiru a ccircari lu tesoru nta la chjusa, zzapparu funnutu iorna e-gghjorna, ddra chjusa l’arriscideru tutta ma nun truvaru nenti e allura si rrassignaru senza lamintàrisi:
Iddru lu sapi chi nni vuliva diri! – dìssiru, pinzannu a lu patri.
Vinni l’ura di siminari e, vistu ca lu tirrenu era zzappatu cu na bona maìsa, ddicìsiru:
Siminàmmulu.
Quannu fu ura di ngranari lu lavuri, cc’eranu spichi longhi e-ggrossi ca si facìvanu taliàri.
Ddra chjusa fici frummentu a-mmai finiri, li du frati s’arriccheru cu la bbona annata e allura si pirsuaderu.
   a benedizione del padre
C’era una volta un padre che aveva due figli, in punto di morte, li chiamò al suo capezzale e disse loro:
Nella chiusa c’è un tesoro, ve lo lascio con la mia benedizione, zappate per averlo e dividetevelo in parti uguali.
I figli, sempre ubbidienti al padre, non litigarono tra loro e nessuno pensò di impossessarsi da solo del tesoro.
Morto il padre, i fratelli iniziarono a cercare il tesoro nella chiusa, dissodarono e rivoltarono per giorni il terreno, la chiusa fu vangata da cima a fondo ma non trovarono quanto cercato ed allora si rassegnarono senza lamentarsi:
Chissà cosa voleva dirci nostro padre! 
Venne poi il tempo della semina e, considerando che il terreno era ottimamente preparato, decisero:
Seminiamolo.
Quando giunse il tempo di granire, le grosse e lunghe spighe erano da ammirare. La chiusa produsse frumento a mai finire, i due fratelli si arricchirono con l’ottimo raccolto e rifletterono:

Chissu nni vuliva diri lu papà, la chjusa travagliàta vali un tesoru.
La bbinidizzïoni di lu patri cunta assà davanti a Ddìu, nfatti la frasi chi si dici è: me patri quannu mi lu lassà, mi lu bbinidicì.
Pendino Caterina
18 giugno 2000
Ecco cosa voleva dirci nostro padre, la chiusa ben lavorata produce tesori.
La benedizione del padre vale molto davanti a Dio, infatti il detto popolare che si ripete spesso è: mio padre, quando me lo ha lasciato (il terreno), me lo ha benedetto.

Franco Cannatella

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.