Mese: Dicembre 2009

Saggistica Salotto Culturale

EUGENIO e MONICA GIANNONE,“Non Si Passa”, Agrigento-Palermo 2003

   Una parte notevole dell’attività di Eugenio Giannone quale poeta, narratore, saggista e docente (direi meglio: di educatore) è legata al tema della zolfara siciliana, a rievocarne la civiltà aspra e la cultura, a recuperare la memoria delle lotte sostenute dai minatori della Valle del Platani per cambiare le loro disumane condizioni di lavoro e […]Read More

USANZE

Covone

Covone “iermitu, gregna” venti covoni costituiscono un mazzo. Sopra ogni “timugna” viene posta in Cianciana, una figura di san Vincenzo Ferreri, perchè la protegga dai fulmini, dagli incendi e da altri incidenti.Read More

USANZE

Vendemmia: l’abuffata di fichidindia

In certi grandi poderi, a Cianciana, prima di dare inizio alla vendemmia, si danno da mangiare alle vendemmiatrici, dei fichidindia, fino alla sazietà, per impedire che esse mangino l’uva nel corso della giornata. Così ogni mattina, per tutti i giorni della vendemmia.Read More

USANZE

Trasporto del grano

Il trasporto del grano, dalla campagna in paese, avviene per mezzo di muli che tutti insieme costituiscono una o più redini “retini”. Una retina è composta, per lo più, da otto muli e da un capo retina che li precede. I primi portano mezza salma di grano ciascuno, in due bisacce “visazzi”, mentre il “capu […]Read More

USANZE

Lu Rusariu di lu Viaticu

” In Cianciana, una certa Angela Perzia, vedova Bosciglio e soprannominata “Centumiliaecentu” perchè non manca mai a questo rosario, nel quale, nel recitarlo, fa capo ripetendo sempre il ritornello “Centumilia e centu”. Colei che fa capo al rosario del viatico inizia: “Decimilia e centu e ludammu lu Sagramentu!” Le altre rispondono: “E sempri sia ludatu […]Read More

Racconti

Lu sensiu di l’omu

‘Na vota cc’eranu ’n campagna du cumpari galantomini, unu era attrumintatu , e unu stava vìglianti. Chiddu ch’era vìglianti vitti nèsciri ’n’apuneddu  di lu nasu di sò cumpari. St’apuneddu cci firriava tutta la pirsuna, e pò si partì e si misi a svulazzari luntanu luntanu. Dopu un pezzu torna l’apuneddu, e si v’a ficca arrè […]Read More

Racconti

La bbinidizzïoni di lu patri

Cc’era na vota um-patri ch’avìa du figli, m-puntu di morti, li chjamà a lu so capizzu e cci dissi: Nta la chjusa cc’è un tesoru, vi lu lassu cu la me bbinidizzïoni, zzappati pi-avillu e spartitivillu m-parti aguali.  Li figli, sèmpiri ubbidienti a lu patri, e nun-zì ggilusiàru tra iddri  e-nnuddru pinzà di tintari di […]Read More

Saggistica Salotto Culturale

Salvatore Re

Salvatore RE    Da Montreal (Canada), dove si è spento nel 1991, ci giunge l’eco delle composizioni di Salvatore RE (Cianciana, 1923) la cui poesia è di una semplicità estrema ed ha lo scopo dichiarato di fare “tanticchia allianari / tantu pi dari svagu a lu pinseri” (“estraniare un po’,/ tanto per distrarre la mente).Read More

Novene

LU VIAGGIU DULURUSU

Novena natalizia a Cianciana I cristiani viviamo uno dei momenti centrali della nostra fede con la natività di Gesù. In tale occasione, lo stupore del Dio Bambino viene cantato nella novena di Natale, canto che si sviluppò nel Medio Evo a motivo della centralità della riflessione cristiana sulla incarnazione di Gesù, figlio di Dio, e […]Read More

Racconti

I quattru viannanti

Cc’era na vota un gaddru ca na sira, ddoppu ch’avìa statu nchjusu nta la gàggia, ntisi lu patruni chi-pparlava cu la muglièri e-ddiscurrìvanu ca, sennu lu nnumani festa, l’avìanu âmmazzàri. Puvureddru! cci siccà lu sangu ch’avìa di ncoddru e, pi-ssarbàrisi li pinni, ddicisi di scapparisinni di notti e-nnotti. Si misi a-ccaminari, pi alluntanàrisi di lu […]Read More